Amo le piccole cose e tendo a vedere sempre del buono in tutto e tutti. Amo la mia famiglia, la musica, il vento, i peluche sul mio comodino, la montagna, la casa del mio migliore amico, l'alcool, le serate con gli amici su un prato, l'alba, le carezze e il cibo della nonna, i concerti, i fiori di campo viola, le canzoni che ti fanno sia piangere che ridere, i libri, i sorrisi accennati, la complicità che ci può essere fra due persone.
Sapete, sono quella che viene sempre fregata, in un modo o nell'altro; che cerca sempre di capire gli altri, anche quando non ne vale la pena e che si chiede sempre se è all'altezza. Quella che si preoccupa che gli altri non si vergognino di lei. Sono anche quel tipo di persona che si diverte con niente, che è timida con gli sconosciuti ma non con gli amici, che cerca sempre di trovare una soluzione, che cambia idea ogni cinque minuti, che inizia mille cose e non le finisce ma che si batte per quelle davvero importanti; sono quella che fa sempre cazzate e colossali figure di merda e che, solo a pensarci, arrossisce. Sono piena di difetti, stranezze e insicurezze; e di sicuro non sono la persona sicura di sé, che sa quel che fare e che dire al momento giusto, che sa farsi valere e amare, che vorrei essere. Ma io vedo del bene in tutto e in tutti, e anche in me.
"La mia solitudine non dipende dalla presenza o assenza di persone; al contrario, io odio chi ruba la mia solitudine, senza, in cambio, offrirmi una vera compagnia.”
F. Nietzsche. (via nonsorridermipiutiprego)
"Sei sempre ossessionato dall’idea che stai sprecando la tua vita.”
— Chuck Palahniuk (via odiocomesottofondo)
©